Piceno... da scoprire  

 

Circolo Scacchi Dilettantistico Ascolano

clicca qui sotto

  2° Torneo "Strategia in libreria"
presso libreria "Rinascita" - Ascoli Piceno
 
links
   
   

   

hai
vinto?

 
1° classificato: Paci Daniele - 2° classificato: Marozzi Giovanni.
 

che
tempo
fa?

Cosa ha preceduto il gioco degli scacchi

Giugno 06 2024 | Scacchi strategia

Il gioco degli scacchi, come lo conosciamo oggi, ha una ricca storia che precede la sua forma moderna. Ecco alcuni dei giochi chiave e delle fasi storiche che hanno preceduto gli scacchi.

Chaturanga

  • Origine. India, intorno al VI secolo.
  • Descrizione. Il Chaturanga è considerato una delle prime forme di scacchi conosciute e precede direttamente gli scacchi moderni. Il nome “Chaturanga” significa “quadripartito” in sanscrito e riflette le quattro divisioni dell’esercito: pedoni, cavalieri, alfieri e carri.
  • Regole. Il gioco si svolgeva su una tavola 8×8. Ogni pezzo aveva le sue mosse, ma erano in qualche modo diverse da quelle degli scacchi moderni.

Shatranj

  • Origine. Persia, intorno al VII secolo.
  • Descrizione. Lo Shatranj si è evoluto dal Chaturanga dopo che il gioco si è diffuso dall’India alla Persia. In Persia furono apportate alcune modifiche alle regole e ai pezzi, come la trasformazione del carro in torre e dell’alfiere in regina.
  • Regole. I pezzi dello shatranj avevano mosse leggermente diverse rispetto agli scacchi moderni. Ad esempio, la regina (vizir) si muoveva di una sola casella in diagonale, mentre l’alfiere (alphil) saltava una casella in diagonale.

Scacchi cinesi (Xiangqi) e scacchi giapponesi (Shogi)

Xiangqi:

  • Origine. Cina, circa II secolo a.C.
  • Descrizione. Lo Xiangqi ha regole uniche e una scacchiera che comprende un fiume e dei palazzi. Anche i pezzi e le loro mosse sono molto diversi dagli scacchi occidentali.
  • Regole. Lo Xiangqi si gioca su una scacchiera di 9×10 linee e i pezzi vengono posizionati alle intersezioni delle linee.

Shogi:

  • Origine. Giappone, intorno all’VIII secolo.
  • Descrizione. Lo shogi ha una meccanica unica di “caduta”: i pezzi presi possono essere restituiti alla tavola come propri.
  • Regole. Lo shogi si gioca su una tavola 9×9 e i pezzi hanno diverse mosse e possibilità di trasformazione.

Adattamento europeo

  • Medioevo. Il gioco si diffuse in Europa attraverso il mondo islamico, in particolare nella Spagna musulmana.
  • Cambiamenti. L’Europa vide cambiamenti significativi nelle regole e nei pezzi degli scacchi, come l’espansione delle mosse della regina e dell’alfiere, che aumentarono notevolmente la velocità e la dinamica del gioco.

Gli scacchi moderni sono il risultato di secoli di evoluzione, a partire dal chaturanga in India, passando per lo shatranj in Persia, fino ai numerosi adattamenti e cambiamenti avvenuti in diverse culture e regioni del mondo. Ogni fase dello sviluppo del gioco ha aggiunto nuovi elementi e regole, dando forma agli scacchi come li conosciamo oggi.

Come erano fatti gli scacchi

I primi pezzi degli scacchi erano realizzati con materiali diversi a seconda dell’epoca e della regione. Ecco una panoramica dei materiali utilizzati per la fabbricazione dei pezzi degli scacchi nei diversi periodi storici:

Osso e avorio

Nell’antica India e in Persia, i pezzi degli scacchi venivano spesso intagliati in osso e avorio. Questi materiali erano disponibili e facili da intagliare.
Le figure di chaturanga e shatranj erano spesso realizzate in osso, soprattutto tra i ricchi e nei circoli aristocratici.

Il legno negli scacchi

Anche il legno era un materiale comune per i pezzi degli scacchi, soprattutto tra la gente comune, in quanto più accessibile e meno costoso. I semplici set di chaturanga erano spesso intagliati nel legno.

Osso e corno per la fabbricazione degli scacchi

Nell’Europa medievale, soprattutto durante l’epoca vichinga, i pezzi degli scacchi venivano intagliati in osso, corno e altri materiali animali disponibili.

Il legno rimase il materiale principale per la produzione di scacchi. I pezzi degli scacchi in legno potevano essere semplici o complessi, a seconda dell’abilità dell’intagliatore.

Pietra e marmo

Nei Paesi islamici, i pezzi degli scacchi venivano talvolta intagliati nel marmo o in altri tipi di pietra, che ne aumentavano la durata e l’estetica.

In alcune regioni islamiche, i pezzi degli scacchi erano realizzati in metalli come il bronzo e l’ottone.

Legno e bambù

Anche il legno e il bambù erano materiali popolari per la loro disponibilità e facilità di lavorazione.

Oggi i pezzi degli scacchi sono spesso realizzati in plastica, che li rende economici e disponibili per la produzione di massa.

I materiali moderni, come i materiali compositi e le resine, sono utilizzati anche per la produzione di pezzi di scacchi, che consentono di ottenere pezzi più dettagliati e durevoli.

|

 

info@100torri.com

 

cerca nel sito

 

lo staff di 100 torri

Copyright © 2024 100torri.com. Tutti i diritti riservati.
1xbet Italia - Aggiornato il: 2024-07-22